Startseite

  • Locandina

  • Giornale

  • Consiglio di lettura

  • Nuove pubblicazioni

  • Attualità

  • Festivals

Contribuire

Vorrebbe che il Suo sito appaia nell’indice di ricerca?

E autore/autrice o editore/editrice o ha un progetto di libro o di pubblicazione?

LiteraturSchweiz

Impostazioni

Giornale

Bookfinder: LitteratureSuisse rend hommage à la journée mondiale du livre 2016 en proposant un service bien particulier: le chercheur de livres. En cliquant six fois seulement, vous indiquez vos préférences, et le chercheur de livres trouvera le livre suisse qui vous convient. Vous pouvez consulter le chercheur de livres pour vous-même, ou pour des amis ou connaissances à qui vous souhaitez offrir un livre. Pour acheter les livres qui vous seront recommandés, vous pourrez vous rendre à la librairie de votre choix ou les commander directement en ligne, auprès de fournisseurs externes.  

Giornale

Mitteilungen: SIKJM-Jahrestagung 2017

Giornale

Zensur und Irrtum I: Die bibliophile Notiz für Kalenderwoche 22

Giornale

Mitteilungen: Honorarempfehlungen für Autorinnen und literarische Übersetzer

Giornale

Quand Colette ouvre sa fenêtre, tout Paris a pour elle les yeux de Chimène: Quand Colette ouvre sa fenêtre, tout Paris a pour elle les yeux de Chimène

Giornale

Zensur in Boston: Die bibliophile Notiz für Kalenderwoche 21

Giornale

Brennen nicht : Die bibliophile Notiz für Kalenderwoche 20

Consiglio di lettura

Ruth Schweikert, Chiudi gli occhi: Il romanzo di Ruth Schweikert va letto dall’inizio – e in questo contesto non si tratta di mera retorica. Le frasi iniziali accendono infatti la miccia di un furioso crescendo stilistico.  Nel capitolo intitolato «Premesso che» la vita di una donna prende forma in poche ed eloquenti frasi e nello spazio di una pagina e mezza. Nel maledetto ingranaggio della quotidianità la disperata ricerca della «felicità proibita» passa ineluttabilmente in secondo piano.«Chiudi gli occhi» è un romanzo della piena maturità che tratta, con una notevole forza espressiva e tramite una complessa struttura narrativa, di madri che allevano i figli da sole, bambini senza padri e di relazioni infrante da aspettative e illusioni. Al centro vi è l’incontro di due spiriti irrequieti: Raoul, giornalista di origini ebraiche, e Aleks, cresciuta in un angusto ambiente piccolo borghese, da cui cercherà di evadere per tutta la sua vita, «senza lasciare tracce da nessuna parte». Sul piano formale il romanzo della Schweikert non si attiene alla logica. Eventi e personaggi compaiono e scompaiono apparentemente in modo casuale. Tuttavia, malgrado questa porosità, una logica interna ben calibrata rende il testo coerente nel suo insieme. Il giorno del suo trentesimo compleanno, Aleks si lascia trascinare con amara ironia in un vortice di pensieri incentrati sulle ferite amorose del passato. Il piglio narrativo di Ruth Schweikert è intriso di una vena di amarezza e di ironia, solo alla fine si concede una ricalcitrante e conciliante fiducia, accennando che in amore non ci sono solo sconfitte e imprecazioni. (Beat Mazenauer; traduzione italiana di Paola Gilardi)

Consiglio di lettura

Giovanni Orelli, L’anno della valanga: Come Giona nel ventre della balena, Gionata è prigioniero della propria valle assediata dall’incombere della più grossa valanga che uomo ricordi. Nell’universo claustrofobico di quattro case in cui gli abitanti del villaggio si sono rifugiati, egli fa esperienza di illusioni e delusioni maturando le scelte decisive che lo porteranno lontano dal proprio punto di partenza.Nel suo libro d’esordio, Giovanni Orelli offre ai lettori una miniatura di «Bildungsroman» : in poco più di cento pagine, alle vicende del giovane protagonista si intrecciano i destini di generazioni di individui e i grandi mutamenti sociali degli anni del boom economico. Come una valanga, la modernità travolge il mondo rurale lasciando molti cadaveri e qualche sopravvissuto. Eppure il progresso è una forza che sovrasta l’individuo e lo obbliga al cambiamento… Orelli traduce tutto ciò in scrittura dall’interno con una lingua scarna e affilata, lasciando alla potenza delle immagini il compito di trasmettere le vicende e le emozioni individuali e collettive.Creando affinità elettive col grande romanzo novecentesco mitteleuropeo e dialogando, nello stile, con i modelli della letteratura italiana di quegli anni – Montale tra tutti – «L’anno della valanga» proietta il Ticino nella letteratura contemporanea.Francesca Puddu

Consiglio di lettura

Robert Walser, L'assistente: Queste sono le parole con cui esordisce il secondo romanzo di Robert Walser, «L’assistente», uscito nel 1908 presso le edizioni Cassirer di Berlino. L’incipit è caratteristico in quanto preannuncia un avvio promettente e al contempo lascia intendere en passant che le apparenze ingannano. Lo stesso Walser, in una straordinaria frase polisemica, afferma che «L’assistente» non è propriamente un romanzo, bensì un semplice stralcio di vita quotidiana svizzera.» Il giovane protagonista si chiama Joseph Marti e una mattina si presenta all’ingegner Carl Tobler le cui invenzioni – un orologio pubblicitario, una cartucciera automatica e un nuovo modello di seggiolone per degenti – si rivelano col tempo dei fallimenti. Così il nuovo assistente prende via via coscienza non solo della situazione economica del XX secolo ma vive da vicino anche il progressivo declino di una famiglia borghese. Paragonato agli altri due romanzi di Robert Walser – «I fratelli Tanner» e «Jakob von Gunten» – «L’Assistente» è più convenzionale e conforme alle tradizioni narrative realiste; la località svizzera di Bärenswil ricorda ad esempio la Seldwyla di Keller. Ma allo stesso modo in cui la facciata della casa borghese si sgretola, anche i limiti dell’‹apparente› registro narrativo realistico vengono superati con arguzia. La trama vera e propria viene relegata in secondo piano, mentre la crisi economica si traspone anche alla dimensione narrativa. Non da ultimo a causa della sua complessa e raffinata struttura narrativa questo ritratto di un’epoca è considerato fra i testi più significativi alle soglie dell’era moderna.(Marc Caduff, trad. di Paola Gilardi)

Nuove pubblicazioni

Silvia Götschi: Muotathal. Emons Verlag.

Attualità

Boersenblatt News: Türkische Polizei stürmt Belge-Verlag: Christoph Links: "Überfall auf unseren Partnerverlag"

Boersenblatt News: Preis des Schweizer Buchhandels 2017 vergeben: Haupt Verlag und Buch­hand­lung zur Rose gewinnen

Boersenblatt News: Ende einer Tradition : Markgrafen-Buchhandlung in Bayreuth schließt

Boersenblatt News: US-Buchhandel im März: Umsatz steuert ins Plus

BAK Aktuelles: Proclamati i vincitori e le vincitrici del Premio svizzero di musica 2017

Festivals

39esime Giornate Letterarie di Soletta: Schweizer Werkschau mit internationalen Gästen

festival POESTATE 2017 lugano

22. Internationales Literaturfestival Leukerbad

Tage der deutschsprachigen Literatur, Klagenfurt

Tales. 18. Seetaler Poesisommer: Das längste Literaturfestival der Schweiz