Startseite

  • Locandina

  • Giornale

  • Consiglio di lettura

  • Nuove pubblicazioni

  • Attualità

  • Festivals

Contribuire

Vorrebbe che il Suo sito appaia nell’indice di ricerca?

E autore/autrice o editore/editrice o ha un progetto di libro o di pubblicazione?

LiteraturSchweiz

Impostazioni

Locandina

17.30
Lesezirkel: Joseph Conrad – Jugend
Sonja Osterwalder
Literaturhaus Zürich
Zürich

Locandina

28-06-2017
Text und Komposition
Heiner Goebbels
Literaturhaus Zürich
Zürich

Locandina

28-06-2017
Cinéculture - Film und Lesung
Kultur-Ladu
Kinosaal Capitol Brig
Brig

Locandina

29-06-2017
Frischs Fiche und andere Geschichten aus dem kalte…
Rémi Jaccard, Philip Sippel
Museum Strauhof
Zürich

Giornale

Bookfinder: LitteratureSuisse rend hommage à la journée mondiale du livre 2016 en proposant un service bien particulier: le chercheur de livres. En cliquant six fois seulement, vous indiquez vos préférences, et le chercheur de livres trouvera le livre suisse qui vous convient. Vous pouvez consulter le chercheur de livres pour vous-même, ou pour des amis ou connaissances à qui vous souhaitez offrir un livre. Pour acheter les livres qui vous seront recommandés, vous pourrez vous rendre à la librairie de votre choix ou les commander directement en ligne, auprès de fournisseurs externes.  

Giornale

Zugrunde gerichtet: Die bibliophile Notiz für Kalenderwoche 26

Giornale

Bücher zum Fressen (und Trinken): Die bibliophile Notiz für Kalenderwoche 25

Giornale

Die Freiheit des Autors: Die bibliophile Notiz für Kalenderwoche 24

Giornale

Mitteilungen: Bewerbungsfristen für Double-Literaturplattform

Giornale

Zensur und Irrtum II – Sperma oder Spema?: Die bibliophile Notiz für Kalenderwoche 23

Giornale

Mitteilungen: SIKJM-Jahrestagung 2017

Consiglio di lettura

Lukas Bärfuss, Cento giorni: Il romanzo parla in modo coinvolgente del genocidio in Ruanda dalla prospettiva di un operatore umanitario svizzero che ne è stato testimone oculare. Il 24enne David Hohl giunge a Kigali mosso da idealismo; tuttavia la capitale ruandese si rivela essere un villaggio noioso in cui bazzicano non solo onesti soccorritori, ma anche cinici malintenzionati. I ruandesi sono persone pacifiche e laboriose, il paese cela però un lato oscuro che gli occidentali non riescono a decifrare e che sfocerà nella catastrofe, quando i ribelli Tutsi daranno avvio al massacro. Mentre attende inutilmente una sua amante, David Hohl assiste in prima persona alla strage e sopravvive rimanendo nascosto in una casa, in totale isolamento, per cento giorni. Da questa angolazione Hohl capisce che l’apparente caos scaturisce da un ordine perfetto, nel quale ognuno «sa qual è il suo posto.» Comincia ad intuire come «la cosa peggiore sia pensare che la nostra virtù e il loro crimine fossero in simbiosi.» Senza volerlo, rischia di divenire a sua volta un cinico presuntuoso, poiché il cinismo non è che il risvolto della filantropia. Ed è proprio questo il tema centrale del romanzo che unisce la passione per questioni di natura politica a uno stile conciso ed elegante. Bärfuss riesce a provocare nel lettore un senso di profondo disorientamento, senza tuttavia scadere nella saccenteria. «Cento giorni» è un libro grandioso, che sintetizza un argomento angoscioso in meno di 200 pagine e in maniera altamente poetica.
 (Beat Mazenauer; traduzione italiana di Paola Gilardi)

Consiglio di lettura

Claudia Quadri, Lacrima: Dopo aver esordito con «Lupe» (2000 – che metteva fianco a fianco due destini di donne in due epoche diverse), Claudia Quadri (*1965) addensa ulteriormente la sua polifonia narrativa in questo romanzo dall’ambientazione cittadina (in cui è possibile riconoscere Lugano): una serie di personaggi dai destini ammaccati ma dall’umanismo invitto gravitano intorno a un bar dal nome suggestivo («Il ricovero dei poeti») e a una libreria («Malatempora»): ci sono il libraio utopista, la ragazzina anoressica, il giornalista ridotto alla rubrica della «posta del cuore», la barista tedesca coi suoi ricordi d’infanzia. Un’umanità stancamente ribelle, traversata dai guizzi di un eroismo minore e da linee di fuga, che l’autrice osserva senza il minimo cinismo, con uno stile conciso e empatico, capace di comporre un sapiente puzzle narrativo dal ritmo quasi cinematografico. Come osserva un personaggio di questo commovente romanzo, «La vita (…) è tutta un esercizio di associazioni».(Pierre Lepori)

Consiglio di lettura

Robert Walser, L'assistente: Queste sono le parole con cui esordisce il secondo romanzo di Robert Walser, «L’assistente», uscito nel 1908 presso le edizioni Cassirer di Berlino. L’incipit è caratteristico in quanto preannuncia un avvio promettente e al contempo lascia intendere en passant che le apparenze ingannano. Lo stesso Walser, in una straordinaria frase polisemica, afferma che «L’assistente» non è propriamente un romanzo, bensì un semplice stralcio di vita quotidiana svizzera.» Il giovane protagonista si chiama Joseph Marti e una mattina si presenta all’ingegner Carl Tobler le cui invenzioni – un orologio pubblicitario, una cartucciera automatica e un nuovo modello di seggiolone per degenti – si rivelano col tempo dei fallimenti. Così il nuovo assistente prende via via coscienza non solo della situazione economica del XX secolo ma vive da vicino anche il progressivo declino di una famiglia borghese. Paragonato agli altri due romanzi di Robert Walser – «I fratelli Tanner» e «Jakob von Gunten» – «L’Assistente» è più convenzionale e conforme alle tradizioni narrative realiste; la località svizzera di Bärenswil ricorda ad esempio la Seldwyla di Keller. Ma allo stesso modo in cui la facciata della casa borghese si sgretola, anche i limiti dell’‹apparente› registro narrativo realistico vengono superati con arguzia. La trama vera e propria viene relegata in secondo piano, mentre la crisi economica si traspone anche alla dimensione narrativa. Non da ultimo a causa della sua complessa e raffinata struttura narrativa questo ritratto di un’epoca è considerato fra i testi più significativi alle soglie dell’era moderna.(Marc Caduff, trad. di Paola Gilardi)

Nuove pubblicazioni

Dumenic Andry: Sablun. Chasa Editura Rumantscha.

Nuove pubblicazioni

Silvia Götschi: Muotathal. Emons Verlag.

Attualità

Boersenblatt News: Übernahme in Himmelpforten: Peschel übergibt an Kraatz

Boersenblatt News: Kinder- und Jugendmarketing-Kongress : Rebellische Mädchen und Schleichwerbung

SRF Literatur RSS: Ein gefallener Mann lernt wieder gehen

lit21: Jean-Christophe Grangé – Purpurne Rache (Buch)

lit21: Nathalie Chaix: Liegender Akt in Blau Kunstanstifter Verlag

Festivals

22. Internationales Literaturfestival Leukerbad

Tage der deutschsprachigen Literatur, Klagenfurt

5. Openair Literatur Festival Zürich